PROGETTO C.A.U.S.E.|I BENI CONFISCATI ALLE MAFIE DIVENTANO IMPRESE SOCIALI

Project Ahead è partner del bel progetto “C.A.U.S.E. – Confiscated Assets Used for Social Experimentation“, entrato ormai nella fase di chiusura.

Lo scopo del progetto – finanziato dal programma IPA – è stato contribuire all’efficace e sostenibile riutilizzo dei beni confiscati alla criminalità da parte delle organizzazioni della società civile albanesi avvalendosi delle best practies internazionali.

L’azione proposta è stata realizzata dal capofila Partners Albania for Change and Development in partnership con noi di Project Ahead, con il Dipartimento di Scienze Politiche dell’Università di Napoli Federico II ed il Comitato Don Peppe Diana, ed è stata sostenuta dall’Unione Europea attraverso la Delegazione dell’Unione Europea in Albania.

Tutte le parti coinvolte, ciascuno secondo le proprie competenze, hanno lavorato in sintonia con l’obiettivo di dare un nuovo input alla gestione e alle attività del bene sequestrato, rafforzando il coinvolgimento della società civile e apportando in tal modo importanti benefici alla comunità nel suo complesso.

Elemento cruciale dell’intervento di Project Ahead nell’ambito del progetto è stato fornire e rafforzare il know-how in tema di gestione e riqualificazione di questi beni confiscati orientando tale processo in un ambito sociale ed in particolare occupandosi della preparazione di una futura generazione di professionisti altamente istruiti nella gestione del beni confiscati, sulla base del MBA curricula sviluppato e gestito dall’Università di Napoli Federico II.

Da questo progetto ci aspettavamo un aumento del livello di conoscenza e di consapevolezza nella comunità albanese sulle potenzialità di un riutilizzo innovativo dei beni confiscati alla criminalità organizzata, attraverso la creazione di imprese ad alto impatto sociale gestite da enti non profit locali

ha dichiarato Marco Traversi, CEO di Project Ahead.

E l’aspettativa non è stata disattesa! Nel giro di un anno infatti sono state avviate due nuove imprese sociali:

  • KinFolk Coffee Library, un luogo nuovo per i giovani di Durazzo.
  • KeBuono Pastiçerie Sociale, pasticceria di Fier in cui la qualità e la tradizione dolciaria italiana incontrano i valori di legalità e inclusione sociale.

Ed una terza impresa sociale, Perla, sarà avviata a breve a Saranda.

Presto nuovi aggiornamenti. Seguiteci!

Project Ahead a Smau Napoli 2019

I prossimi 12 e 13 dicembre Project Ahead parteciperà a Smau Napoli, la principale piattaforma di business matching in Italia nei settori dell’innovazione e delle tecnologie digitali per imprese e pubbliche amministrazioni locali, organizzata alla Mostra D’Oltremare.

Sarà una bellissima occasione per presentare il Programma Europeo EYE – Erasmus per Giovani Imprenditori, attraverso il quale da anni aiutiamo gli aspiranti imprenditori europei ad acquisire le competenze necessarie per avviare e gestire con successo una piccola impresa in Europa.

Grazie a EYE i nuovi imprenditori apprendono e scambiano conoscenze e idee di business con imprenditori già affermati, dai quali vengono ospitati e con i quali collaborano per un periodo da 1 a 6 mesi. La partecipazione al programma è gratuita per tutte le parti coinvolte ed i nuovi imprenditori ricevono un rimborso spese dalla Commissione Europea.

A Smau Napoli faremo conoscere anche Dialogue Place, il nostro incubatore di imprese sociali e spazio di co-working ubicato nel cuore dei Quartieri Spagnoli. Al suo interno ospitiamo una community di innovatori sociali locali ed internazionali che ha già coinvolto migliaia di giovani in tutta Europa e che, attraverso percorsi di training, supporta progetti d’impresa con un impatto positivo sulla società e sull’ambiente.

Nell’ambito della due giorni alla Mostra d’Oltremare vogliamo segnalarvi in particolare due appuntamenti che ci vedrà coinvolti in prima persona, entrambi il giorno 13 dicembre: alle 10:00 parteciperemo all’evento di promozione di Open Italy organizzato da ELIS presso l’Innovation Lab; alle 13:00 saremo al Tavolo degli Innovatori, un momento di condivisione per la conoscenza e lo scambio di esperienze sui temi dell’Open Innovation.

“SMAU è il miglior contesto per la presentazione dei nostri percorsi di training e mentoring che supportano progetti di impresa innovativa, essendo l’appuntamento di riferimento per chiunque operi nei settori dell’innovazione e delle tecnologie digitali. Un evento che ci permette di raccontare tutto quanto è già stato fatto nell’ambito di imprese, startupper, professionisti e nomadi digitali, illustrando il loro impatto positivo sulla società e sull’ambiente. Ma che ci permette anche di far incontrare domanda e offerta di un mondo in continua evoluzione, ma grazie al quale nascono imprese, si costruiscono partnership e reti e ci si sente parte di qualcosa di grande”

Queste sono le parole del nostro CEO Marco Traversi, e se ve lo dice lui che è un appuntamento che non potete in nessun modo perdervi, dovete crederci.

E poiché vi vogliamo bene e siete la nostra community preferita vi regaliamo anche un ingresso omaggio per i due giorni di fiera alla Mostra d’Oltremare.
Per scaricare l’invito non vi resta che cliccare qui e registrarvi!

Vi aspettiamo!

Woman Entrepreneur of the Year Award 2020: la competizione per startup al femminile a cura di Project Ahead

Project Ahead è lieta di annunciare che fino al 30 gennaio 2020 sono aperte le candidature alla semifinale italiana del Woman Entrepreneur of the Year Award che si svolgerà a Napoli il prossimo 8 marzo nel co-working e Incubatore di imprese sociali Dialogue Place.

L’annuale competizione organizzata da Project Ahead è la tappa italiana del premio internazionale Impact2 creato da INCO, rete globale di acceleratori e startup sociali, a sostegno di donne eccezionali che in tutto il mondo hanno scelto l’imprenditorialità come percorso di vita e di emancipazione e come strumento per rispondere alle sfide sociali e ambientali delle proprie comunità.

Ogni anno diversi Paesi prendono parte all’iniziativa internazionale. Per l’edizione del 2019, oltre l’Italia, i partecipanti sono stati: Francia, Stati Uniti, Sudafrica, Nuova Zelanda, Rwanda, Corea del Sud, Spagna, Regno Unito,Tunisia.

Ciascun Paese coinvolto, con l’aiuto di una giuria composta dai membri locali della rete INCO, seleziona l’imprenditrice che lo rappresenterà al Gran Finale del premio.

La vincitrice italiana sarà invitata a partecipare al Gran Finale internazionale del Woman Entrepreneur of the Year Award durante l’Impact2 Word Forum di Parigi che si svolgerà a marzo 2020; in quella occasione avrà la possibilità di promuovere la propria impresa di fronte a 1500 change-makers provenienti da 50 diversi Paesi e di accedere al Network globale di INCO.

Possono partecipare alla competizione registrandosi qui entro il 30 gennaio 2020 le imprenditrici startupper con:

meno di cinque anni di esistenza (take-off o pre-development stage), un business model sostenibile (attività di lungo periodo), un impatto sociale o ambientale (la start-up deve proporre soluzioni innovative che contribuiscono ad affrontare problemi sociali o ambientali nel proprio paese o all’estero).

Le prime sei candidate, iscritte entro il 30 gennaio 2020 ed in possesso dei requisiti indicati nel bando, parteciperanno l’8 marzo alla semifinale italiana del Woman Entrepreneur of the Year Award che si svolgerà a Napoli, presso Dialogue Place, dove dovranno presentare in 10 minuti la propria idea d’impresa ad una giuria selezionata per l’occasione.

Tutte le info e gli aggiornamenti sull’evento saranno progressivamente forniti sul sito www.pja2001.eu e tramite i canali social di Project Ahead e dell’incubatore di imprese sociali Dialogue Place.

Per ulteriori dettagli scarica il bando qui

Italia-Spagna per la rigenerazione urbana, con Erasmus per Giovani Imprenditori

Vi raccontiamo una bella ed interessante esperienza lavorativa all’estero vissuta da una giovane imprenditrice italiana e resa possibile dal Programma europeo Erasmus per Giovani Imprenditori

E’ terminata da poco l’esperienza in Erasmus per Giovani Imprenditori di Raffaella Ceparano, architetta di 29 anni che con il supporto di Project Ahead ha realizzato uno scambio lavorativo presso la Voltes Cooperativa d’Arquitectura con sede a Barcellona.

Ecco cosa ci ha raccontato:

Il mio scambio è durato 5 mesi; ho scelto la Spagna e così sono stata ospitata da Voltes Cooperativa d’Arquitectura con sede a Barcellona. Grazie al Programma Europeo di scambio per imprenditori, la mia esperienza in Voltes ha avuto impatti incommensurabili sulla mia attitudine in vari campi come il lavoro di gruppo, la redazione di rapporti / scrittura analitica, il lavoro in un ambiente interculturale, l’organizzazione e il coordinamento delle attività. Questa esperienza ha ampliato la mia base di conoscenze, avendo avuto la possibilità di partecipare a tutte le attività di gestione della cooperativa: dalla divisione del lavoro, alle assemblee. Sento di aver acquisito competenze trasversali per analizzare il territorio, al fine di comprenderne le risorse e il potenziale, attivare percorsi di coinvolgimento degli abitanti e gestire complesse partnership territoriali per la rigenerazione urbana. Il focus della mia attività è stato esplorare le capacità tecniche e le azioni per utilizzare lo spazio urbano come campo di applicazione per l’innovazione sociale, in particolare nei settori del welfare, dell’inclusione sociale, dell’immigrazione, dello sviluppo locale. È stata un’esperienza molto arricchente e consiglio vivamente ad altri NE intraprendere questa esperienza

Tutto questo è possibile grazie a Erasmus for Young Entrepreneurs!

E tu, cosa aspetti? Non lasciarti sfuggire l’occasione di fare un’esperienza imprenditoriale all’estero per sviluppare la tua impresa o per verificare la fattibilità del tuo progetto, lasciandoti ispirare da chi ha già avviato la propria attività.

Il programma è rivolto anche agli imprenditori già affermati, ovvero coloro che sono titolari o responsabili di una PMI in Italia o nell’Unione Europea e che vogliono ospitare giovani ed aspiranti imprenditori europei.

Partecipa con noi al programma Erasmus per giovani imprenditori. Puoi registrarti qui.

Noi di Project Ahead siamo intermediari del Programma europeo Erasmus per Giovani Imprenditori per la Campania e gran parte dell’Italia meridionale peninsulare. Contattaci e ti guideremo nelle varie fasi dello scambio: dal percorso di registrazione, alla scelta della controparte per lo scambio, fornendoti tutte le risposte di cui avrai bisogno durante tutta la durata del progetto.

Per approfondimenti e chiarimenti sulla candidatura puoi raggiungerci anche in sede, negli spazi del coworking e incubatore di imprese sociali Dialogue Place, a Napoli in via Portacarrese a Montecalviario 69.

Ti aspettiamo

Metti, una sera a Dialogue Place!

Workshop su Incubazione d'impresa sociale a cura di Project Ahead

Quando la comunità dell’impatto positivo si riunisce e discute di imprenditorialità sociale e sostenibile come strumento per rispondere alle sfide della nostra società.

Lo scorso 25 ottobre negli spazi del nostro coworking e incubatore di imprese sociali Dialogue Place, a Napoli in via Portacarrese a Montecalvario 69, abbiamo ospitato la terza tappa di Impact Now, il tour che sta girando l’Italia per condividere esperienze, progetti, idee, bisogni, opportunità e soluzioni sui temi dell’impatto sociale e ambientale positivo.

Il tour è promosso da Lita.co, gruppo europeo per l’impact investing, che ha come obiettivo la promozione di progetti imprenditoriali con impatto sociale e ambientale positivo

Grazie alla partecipazione di ospiti e speaker d’eccezione, durante la serata abbiamo parlato di sostenibilità, imprenditorialità sociale, innovazione sostenibile, smart city, strumenti di finanza alternativa come equity crowdfunding e finanza ad impatto, temi in linea con gli obiettivi dello sviluppo sostenibile (SDG) definiti dall’ONU.

Siamo contenti di aver preso parte attiva, in qualità di partner, all’organizzazione della serata e al coinvolgimento dei tanti ospiti intervenuti.

Impact Now Napoli a Dialogue Place

Ecco come si è articolata la serata.

PARTE #1 (16:30-18:30)

La prima parte del programmaè stata interamente dedicata agli imprenditori sociali e alle startup che tramite iscrizione hanno seguito due diversi workshop da un’ora ciascuno.

Il primo workshop dedicato ad Incubazione e accelerazione d’impresa è stato curato da Marco Traversi (CEO Project Ahead) che ha approfondito temi fondamentali per le start-up che vogliono generare un impatto positivo, mettendo a disposizione tutto quello che ogni imprenditore sociale deve sapere per costruire una start-up di successo.

Il secondo workshop ha riguardato la Valutazione d’impatto. Luigi Corvo di Open Impact ci ha parlato della misurazione d’impatto, degli strumenti e delle informazioni di cui ha bisogno un imprenditore per poter iniziare o migliorare la valutazione dell’impatto positivo che il proprio servizio o prodotto può generare.

PARTE #2 (18.30-21.30)

La seconda parte dell’evento era aperta al pubblico. Insieme a speaker esperti abbiamo affrontato i temi dell’imprenditorialità sociale, dell’innovazione sostenibile e dell’impact investing.

Dopo un’introduzione affidata agli organizzatori e i saluti istituzionali del Sindaco portati da Luigi Carbone, Vice Presidente della Municipalità 2 di Napoli la serata è entrata nel vivo.

Felice Scalvini (Assifero) è stato protagonista di un Keynote speech attraverso cui i cittadini gli investitori e gli imprenditori si sono avvicinati al tema dell’impact investing, comprendendo meglio lo status, ad oggi, degli investimenti a impatto in Italia. 

Abbiamo ascoltato poi una testimonianza concreta sul fare impresa ad impatto positivo, dalla viva voce di Ivan Fadini di International Napoli Network – Bcorp.

È stata poi la volta del Pitch Session durante il quale imprenditori in erba candidati al Premio Impact Now si sono affrontati raccontando in 4 minuti il proprio progetto, cercando di convincere una giuria di esperti presente nel pubblico e collegata online via streaming.

Abbiamo inoltre riflettuto sul tema della sostenibilità assistendo a Genesi del Rigenero, monologo teatrale a cura di Giuseppe Allocca, imprenditore sociale dell’area tessile pratese, Socio e Amministratore di LOFOIO che dal 1800 ricicla scarti tessili dai cenciaioli pratesi.

La serata è proseguita con uno Speech su Investing for impact a cura di Bianca Polidoro, Policy Manager EVPA (European Venture Philanthropy Association), partner del tour Impact Now in Belgio e in Italia.

A conclusione della serata, un interessante Panel Discussion su investimenti a impatto positivo con speaker esperti del settore che hanno affrontato il tema da vari punti di vista.  Moderati da Miriam Lanzetta, sono intervenuti: Stefano Rossi (LITA.co Italy) , Giuseppe Sottile (Responsabile Area Sud Banca Etica), Tommaso D’Alterio (Fondazione Enrico Isaia e Maria Pepillo), Roberto Iannaccone (Fondazione Giordano Dell’Amore)

La serata è terminata con un Networking Cocktail durante il quale è stato possibile conoscere i partner Impact Now e incontrare i relatori presenti sul palco. Il buffet è stato preparato da Tobilì, startup di cucina etnica operativa a Napoli e fondata da migranti provenienti da diverse aree del Mediterraneo, avviata nel 2016 anche grazie al sostegno formativo di Project Ahead.

Ringraziamo tutti coloro che sono intervenuti. Appuntamento alla prossima occasione di confronto sui temi dell’innovazione sociale

”Prendiamoci cura” delle nostre comunità: consigli di lettura!

Quest’anno Project Ahead è partner di Ricomincio dai libri la fiera del libro di Napoli a ingresso gratuito che si terrà dal 4 al 6 ottobre a FoQuS – Fondazione Quartieri Spagnoli, apprezzabile esempio di rigenerazione urbana in cui ha sede la cooperativa con il coworking e incubatore di imprese sociali Dialogue Place.

Giunta alla VI edizione, la fiera si caratterizzerà per l’attenzione ai temi dell’accoglienza, delle migrazioni, dell’inclusione sociale, della comunità, delle buone pratiche ambientali, tutti ambiti racchiusi nello slogan “Prendiamoci Cura’’ scelto per quest’anno.

Ancora una volta la kermesse vedrà protagonisti autori di fama nazionale e internazionale, case editrici e associazioni che daranno il loro contributo alla cultura della città ai piedi del Vesuvio.

Lorenzo Marone, direttore artistico della fiera, ha detto:

«Mai come in questo momento storico e politico che viviamo la parola ‘cura’ assume un valore universale che ognuno di noi, nel suo piccolo, deve esportare. Cura per questo nostro pianeta sempre più sfruttato – dichiara Marone – cura per l’altro, per l’estraneo, il bisognoso, l’ultimo, cura per se stessi, per uno sviluppo sempre più forte dell’individuo, cura per le Istituzioni (sbeffeggiate a volte dai nostri stessi politici) e per il senso dello Stato, per la cultura, per le scienze e la conoscenza. Tre giorni di incontri – conclude Marone – in un quartiere complesso di Napoli, per fare questo: mettere al centro del discorso l’obbligo morale che abbiamo nel tendere la mano. Oggi più di ieri».

Noi siamo totalmente d’accordo!

Contribuiremo all’evento organizzando due presentazioni di libri nella Sala delle Stelle di Dialogue Place:

  • Venerdì 4 Ottobre ore 18:00-19:00, presentazione del libro Surus, l’elefante bambino. Cornacchia, il cane giocoliere (Iemme Edizioni 2019) di Ivan Esposito, con illustrazioni di Valentina De Luca.  Il libro, parte di un progetto socio-editoriale contro la povertà educativa, si compone di due storie illustrate, aventi ciascuna per protagonista le mascotte delle Ludoteche museali Arteteca: Surus e Cornacchia, l’elefante di Annibale e il cane di Caravaggio. Dialogheranno con l’autore, Maria D’Ambrosio, docente Pedagogia UNISOB e Ida Gennarelli, direttore Museo Archeologico Antica Capua.
  • Sabato 5 Ottobre ore 17:00-19.00, presentazione del libro Dove. La dimensione di luogo che ricompone impresa e società, (Egea, Milano 2019) di Paolo Venturi e Flaviano Zandonai. Un viaggio attraverso la trasformazione epocale della dimensione di luogo, che dall’impresa sociale arriva al cuore del capitalismo. Dialogheranno con l’autore Flaviano Zandonai, Marco Musella, docente Economia Politica UNINA e Filomena Carangelo, architetto urbanista.

Vi aspettiamo.

Eventi gratuiti. Info e prenotazioni: segreteria@pja2001.eu tel. 081 412404

Project Ahead ospita Impact Now Napoli 2019

Si avvicina un nuovo ed entusiasmante appuntamento rivolto agli Impact Makers e a tutti coloro che si propongono di avere un impatto positivo!

Venerdì 25 ottobre 2019, dalle 16:00 alle 21:00 negli spazi di Dialogue Place, Project Ahead sarà ancora una volta in prima linea nella promozione e nell’approfondimento (perché non basta mai!) di temi quali economia e innovazione sostenibile, imprese sociali, finanza ad impatto.

La cooperativa partenopea infatti sarà partner, nonché ospite, di Impact Now Napoli, la terza tappa di Impact Now Italia 2019, il tour di eventi organizzato da Lita.co, piattaforma europea di equity-crowdfunding, dedicato all’impatto positivo e all’imprenditoria sociale e sostenibile.

Il tour durerà 3 mesi, a partire dal 27 settembre, e percorrerà l’Italia passando da 7 città: Catania, Roma, Napoli, Firenze, Bologna, Torino e Milano. Sarà un’occasione d’incontro per imprenditori, investitori, istituzioni e cittadini, per approfondire insieme il tema degli investimenti in linea con gli Obiettivi dello Sviluppo Sostenibile (SDG) indicati dall’ONU.

Durante la serata partenopea (ma il format è simile in ogni tappa) – scandita da una prima parte riservata agli imprenditori sociali ed una seconda parte aperta al pubblico – si alterneranno diversi speaker esperti del settore con dei workshop su temi e programmi di incubazione e accelerazione d’impresa e sulla misurazione d’impatto.

Conosceremo investitori ed imprenditori sociali di successo; ascolteremo un talk sul fallimento; parteciperemo a un panel discussion in cui esperti del mondo accademico ed imprenditoriale, rappresentanti delle istituzioni, membri di associazioni si confronteranno sull’impact investing in Italia, sull’innovazione sociale, sull’imprenditorialità sostenibile ed inclusiva.

Il programma dettagliato – in definizione – della tappa partenopea è disponibile sul sito impactnow.it .

E non è finita qui! È aperta una #CallForImpact, un concorso per tutti gli imprenditori “a impatto” che potranno candidare il proprio progetto (idea di business o impresa già attiva), presentarla durante la Pitch Competition della serata e vincere uno dei premi messi in palio da LITA.co e dai partner del tour. Maggiori informazioni qui

La serata si concluderà con un Cocktail di networking.

Tutte le info e gli aggiornamenti sull’evento saranno progressivamente forniti sul sito impactnow.it e tramite i social di Project Ahead e dell’incubatore di imprese sociali Dialogue Place

Iscrizione obbligatoria e gratuita su Eventbrite

Project Ahead al Social Enterprise Open Camp

Project Ahead al Social Enterprise Open Camp

Nella splendida cornice della Chiesa di S. Anna dei Lombardi a Napoli si è concluso il Social Enterprise Open Camp, l’evento di portata internazionale interamente dedicato allo studio dell’imprenditoria sociale e del gender equity come valore di investimento, promosso da Fondazione OPES-LCEF Onlus e dal Consorzio della Cooperazione Sociale (CGM). Tra i partner collaboratori c’era anche Project Ahead.

Il forum, tenutosi per la prima volta in Campania, ha riunito più di 250 partecipanti da tutto il mondo tra cui: imprenditori, portatori di idee innovatrici, giovani talenti, esperti del settore, ONG, Cooperative sociali, investitori, business angel, rappresentanti di istituzioni, università ed accademie.

Tra i partecipanti anche i vincitori della VII edizione del Social Chance Wave contest curato da Project Ahead e dedicato all’innovazione sociali tenutosi negli spazi dell’incubatore d’imprese Dialogue Place.

L’Open Camp si è tenuto dal 21 al 25 Giugno tra Napoli e Salerno ed è stato articolato in sessioni plenarie con interventi e testimonianze di speaker e imprenditori sociali affermati sul mercato internazionale e nazionale.

Inoltre nell’ambito dei workshop e dall’analisi dei casi studio, i partecipanti hanno potuto approfondire con il supporto di workshop leader, esperti di settore e testimonianze specifiche alcuni strumenti cardine per la creazione di imprese sociali come: 

  • l’accesso al capitale e il reperimento di finanziamenti
  • lo sviluppo delle imprese d’impatto e la scalabilità e replicabilità di tali modelli di business
  • l’importanza e il valore del capitale umano
  • lo storytelling e il branding
  • la tecnologia e  il supply chain.

Ma il “file rouge” che ha attraversato tutti i momenti di riflessione è stato il Gender Smart Investing, analizzando il ruolo delle donne nella governance di imprese sociali e nella filiera decisionale del mercato del lavoro, ma allo stesso tempo è stata sollevata la necessità di colmare il gender gap.

Social Enterprise Open Camp 2019

A tal proposito secondo il rapporto McKinsey ridurre il gender gap entro il 2025 potrebbe portare a una crescita dell’economia mondiale pari a 12 milioni di miliardi.

Tra i casi studio evidenziati:

MAAM Life Based Value è un’azienda che crea soluzioni digitali per lo sviluppo del capitale umano; il primo e unico programma di formazione digitale al mondo che trasforma le transizioni di vita e le attività di caregiving come la maternità e la paternità in un master in soft skills per la crescita professionale.

CavaRei è un’impresa sociale che opera nel settore della disabilità; partendo dalla sua governance, composta in prevalenza da donne, rappresenta tutte le categorie di socio previste dalla Riforma del Terzo Settore: lavoratore, fruitore, volontario e come socio di un’azienda profit.

NaTakallam, USA e Francia è un’impresa sociale pluripremiata che collega rifugiati politici a opportunità di lavoro a distanza nel settore linguistico. Ad oggi, più di 130 sfollati hanno auto-generato 500.000 dollari attraverso lavori di traduzione o di formazione linguistica. NaTakallam è stato presentato in decine di eventi mediatici, in particolare in Fast Company, PBS, NPR, Al Jazeera e Reuters e in un recente video dell’UNHCR .

Proprio quest’ultima impresa sociale è stata la vincitrice di quest’anno del Social Enterprise Open Camp e a tale vittoria ha in parte contribuito Project Ahead poiché a tale workshop hanno partecipato delle giovani promettenti borsiste che lo scorso aprile hanno vinto il Social Change Wave 2019 con GIVE CHANCE, l’impresa sociale che si prefigge come obiettivo l’inserimento lavorativo delle donne, in particolar modo le rifugiate politiche, attraverso la realizzazione di un brand di moda etica.

E dallo stesso contest arriva anche BABIPLAN, l’idea d’impresa che in occasione del Social Enterprise Open Camp ha partecipato alla Challenge di Enel – Gender Smart Investing and Innovability. Energy is everywhere.

Maria Letizia Esposito

PROJECT AHEAD is seeking two European Project Managers!

Project Ahead is a dynamic organization which seeks to develop entrepreneurship, start ups, mainly in social fields or with a social impact, works to provide socially innovative solutions for our society and supports a wide range of public and private bodies and not for profit organizations such as cooperatives, associations, social enterprises, foundations etc… We are a small dedicated team of six based actually in Naples and Rome looking for new colleagues to join us as European Senior/Junior Project Manager, managing our projects funded by EU and national programs and writing new proposals for the next wave of EU and national funds.
The role will encompass project management, new proposal writing and new business development in all the EU and national funds. You will be engaging with our international network of partners in EU and beyond, coming from social economy and social enterprise world besides wider stakeholders in policy, academia and industry. This role could involve travels across Europe.

Person specification
We are looking for someone who:

    • Is fluent in Italian and English (a third foreign language is a plus)
    • Brings at least 5 years (2 for the Junior PM) of experience about EU programs and project cycle management or a high level specific academic training in the field (not for the junior PM)
    • Will take responsibility for project applications and management, including financial aspects
    • Has an entrepreneurial approach to work and to develop new opportunities
    • Learns and takes responsibility quickly and proactively
    • Is organized and able to manage a varied workload with competing priorities and pressures
    • Is a strong communicator verbally and in writing
    • Will demonstrate political and cultural sensitivity in engaging with beneficiaries, partners and stakeholders across Europe
    • Has a good understanding of EU institutions and policies
  • Preferably has a knowledge of and insight into civil society, social innovation, social economy or social enterprise

Job description
Your responsibilities as senior PM will be to:

  • Ideate, write and build partnerships around new project proposals
  • Develop new projects and business, mainly in the areas of enterprise creation, social enterprise and social innovation
  • Support the management of a portfolio of national and EU-funded projects
  • Contribute to the projects and business fundraising
  • Develop ideas and policies about young employment, self entrepreneurship, civil society, social economy and social enterprise

Your responsibilities as junior PM will be to:

  • Help in writing new project proposals and take care of administrative management
  • Contribute to the ideation and development of new projects and new activities
  • Work effectively in the implementation of projects and activities
  • Contribute in managing and realizing events, workshops and other initiatives related to young employment, self-entrepreneurship, civil society, social economy and social enterprise

Project portfolio
Project Ahead is currently involved in many EU and nationally funded projects, among which:

    • ERASMUS FOR YOUNG ENTREPRENEURS SEED is the first pilot in EYE program about Social enterprise and is actually among the few European projects focused on social fields. PJA is running all the exchanges from and to Campania region and is in charge of all those involved in social enterprise as the only project in the field in Italy;
  • DIALOGUE is funded by the national department for Youth policies and aims at managing in Naples from 2017 the first Italian social incubator for multicultural businesses created by young migrants and young locals;
  • FORK is funded by the national department for Youth policies and aims at opening in October 2018 a Fab-Lab and creativity Hub for the young people of Napoli;
  • CAUSE is an IPA funded project to support the development of a national Albanian strategy to manage confiscated assets to criminal organization and to support the creation of new social business to transform them in an entrepreneurial opportunity with a social impact;
  • EMBRACE is an IPA funded project to train and support the transformation from traditional NGOs into social business in Albania

We have been also involved in the Italian social innovation network (I-SIN) and in the work of the experts group for social enterprise of the Ministry of Labour and the working group of the advisory board of the G7 task force for impact investing and we are members of many international network. More info @ http://www.pja2001.eu and http://www.dialogueplace.eu.

Please send your covering letter and CV in a single PDF file to Marco Traversi, CEO, at segreteria@pja2001.eu. The deadline for applications is 26th August 2018. Interviews with potential candidates will be held in early September. We are looking for candidates to start as soon as possible after appointment. The offices are located in Naples and Rome but the selected person will work in Naples at Dialogue place and so candidates resident in Naples and in the surrounding area will be preferred. Salary and job contract will be commensurate to the agreed working organization and to the effective job experience.

Posizione aperta per Dialogue Place- Community host

PROJECT AHEAD cerca un community host

Project Ahead è un’organizzazione dinamica e giovane che sostiene lo sviluppo dell’imprenditorialità, delle start up principalmente in campo sociale o con un impatto sociale, lavora per fornire soluzioni socialmente innovative per la nostra società e sostiene un’ampia gamma di organizzazioni pubbliche, private e non profit come cooperative, associazioni, imprese sociali, fondazioni ecc..

Attualmente Project Ahead gestisce Dialogue Place, un incubatore di imprese sociali che include uno spazio di coworking, ospitato all’interno della più ampia struttura di FOQUS posta nel cuore del centro storico di Napoli in cui coesistono diverse organizzazioni ed imprese attive in ambito sociale. Proprio da questa sinergica condizione è nata l’idea di creare una comunità che condivida un obiettivo comune, facendosi portatrice di uno spirito imprenditoriale vitale che influenzi anche il contesto esterno alla struttura, divenendo punto di attrazione di nuove attività e generando iniziative a beneficio del quartiere.
Tale esperienza ha condotto a sviluppare una seconda iniziativa, denominata ForK, sempre a Napoli nel quartiere di Montesanto/Pignasecca, dove aprirà a settembre/ottobre uno spazio FAB-LAB dedicato all’artigianato digitale e tradizionale, al making, all’up-cycling ed alla creatività artistica in generale.
Il nostro team, attualmente con sede a Napoli e Roma, gestisce inoltre numerosi progetti, attività ed eventi, contando su un numero crescente di partners nazionali e internazionali. La crescita della società, dunque, necessita ora di una persona con doti organizzative, comunicative e relazionali speciali, con un evidente interesse nei confronti del mondo dell’innovazione sociale, imprenditoriale e creativa.
Per lo start up della nuova iniziativa di ForK stiamo cercando una nuova figura da inserire all’interno del nostro organico: un Community Host and Manager.
L’Host sarà una figura chiave per la crescita della società diventando al tempo stesso custode e responsabile di vari aspetti gestionali legati allo spazio, relazionali legati agli associati ed al coordinamento degli eventi.
La persona giusta deve avere entusiasmo, creatività, ottime capacità relazionali, essere solare, flessibile e affidabile nella cura e gestione dello spazio e della comunità.

In particolare sarà responsabile delle seguenti aree:

Hosting

  • Supportare le attività di community hosting all’interno dello spazio mantenendo un costante canale di comunicazione con i partecipanti e frequentatori dello spazio, discutere con loro i loro progetti, connetterli tra loro dentro e fuori lo spazio;
  • Supportare le attività di formazione ed, occasionalmente, coordinare e gestire l’organizzazione di eventi in-house;
  • Gestire il processo di associazione delle persone e l’allargamento della comunità;
  • Supervisionare e tenere aggiornata la mappatura della comunità dei frequentatori di ForK;
  • Moderare l’interazione sui canali social dedicati;
  • Rispondere al telefono e altre mansioni basiche di comunicazione e amministrazione durante gli orari di hosting;
  • Gestire e accogliere gli ospiti degli eventi e dello spazio mettendoli in relazione con il territorio e la comunità.

Spazio

  • Gestire e mantenere aperto lo spazio, inclusa la supervisione dell’apertura e chiusura dello spazio, dalle 9:30 alle 19:00, tutta la settimana e, in occasione di eventi, anche in serale o nel weekend
  • Implementare la creazione di strumenti di comunicazione all’interno dello spazio;
  • Gestire le prenotazioni degli spazi per coworking, eventi, ecc…;
  • Gestire gli spazi del co-working e la logistica durante gli eventi.

Comunicazione

  • Collaborare con il team di comunicazione per favorire il coinvolgimento dei partecipanti e l’aggiornamento rispetto alle attività svolte;
  • Collaborare con altre realtà locali e relazionarsi con partner italiani ed esteri per attività specifiche da svolgersi nello spazio.

Qualifiche

La figura è una persona affidabile, flessibile, curiosa, creativa, solare, con ottime doti comunicative, spirito d’iniziativa, forte interesse per il lavoro di Project Ahead e per l’ambito dell’innovazione sociale.

Essenziali

  • Vivere a Napoli;
  • Spirito socievole, aperto a interagire con una molteplicità d’interlocutori e a gestire pubbliche relazioni;
  • Buone capacità organizzative;
  • Forte capacità di lavorare in squadra, ma anche in maniera completamente indipendente;
  • Disponibilità a vivere in un contesto comunitario;
  • Disponibilità a accogliere persone anche in orari serali e fine-settimana;
  • Ottima conoscenza della lingua inglese o dell’ italiano se straniero/a;
  • Capacità di gestire simultaneamente svariate mansioni.

Desiderabili

  • Esperienza nell’ambito dell’organizzazione e gestione di eventi;
  • Esperienza di gestione di comunità;
  • Esperienza nell’ambito di progetti legati all’innovazione sociale;
  • Creatività e abilità manuale;
  • Conoscenze nel campo informatico;
  • Esperienza in comunicazione, specialmente online

Dettagli
Il rapporto contrattuale sarà basato su un collaborazione coordinata e continuativa articolata sulla base delle esigenze e della auto-organizzazione del candidato con durata iniziale fino a giugno 2019, soggetto a periodo di prova di 2 mesi. Il compenso ed altri benefit saranno determinati sulla base dell’esperienza e della disponibilità di tempo del candidato. La posizione è direttamente supervisionata dal Presidente del CdA ed a lui rende conto direttamente.

Data di inizio contratto: 15 settembre 2018

Candidature
Inviare Cv e lettera motivazionale a segreteria@pja2001.eu con l’oggetto “Community Host” entro il 26 agosto 2018. I colloqui si terranno tra il 27 agosto ed il 7 settembre 2018.
I CV non accompagnati da lettera motivazionale non saranno presi in considerazione.