Formazione d’impresa per il Burkina Faso

locandina-burkinabeProseguono i nostri incontri formativi con i cittadini del Brukina Faso  nell’ambito del nostro progetto BurkinaBell.  Il Prossimo incontro sarà incentrato sugli aspetti giuridici dell’impresa e a quali diverse opportunità queste diano accesso.  Partecipate al nostro evento di chiusura che si terrà il 15 Dicembre nella nostra Sede in cui racconteremo i risultati e le prospettive future del nostro percorso

 

Impact Talk

Ieri pomeriggio abbiamo avuto la possibilità di fare una lunga ed interessante chiacchierata con Ahmed Al-aagam. L’ospite del nostro primo Impact Talk ci ha parlato del programma Tower Hamlet SEEN  con cui si sta dando nuovo impulso all’impresa sociale all’interno del quartiere londinese, ci ha spiegato quali sono stati gli strumenti utilizzati per far fronte alle difficoltà dell’impresa sociale e come è stato possibile dare vita a questo progetto.

Ahmed Al-aagam inconto 3.jpg

 

Hanno partecipato con noi anche i ragazzi di Riscatto Urbano che hanno avuto l’occasione di confrontarsi con il nostro esperto d’impresa sociale e di condividere con noi la loro esperienza di  Si,amo Bellini http://www.riscattourbano.it/projects/siamo-bellini/ e

Impact Talk

Gli Impact Talk sono incontri di confronto e dibattito sull’imprenditoria sociale, in cui esperti raccontano le loro uniche esperienze!

Questo mese saranno con noi:

foto-ahmed-al-aagam

Ahmed Al-aagam – 13 Settembre alle 15:00
Consultant Development Manager di UnLtd, Ahmed è attualmente responsabile del programma Tower Hamlets SEEN, uno dei più innovativi programmi di rigenerazione urbana e rilancio di un quartiere attraverso l’educazione e responsabilizzazione dei giovani all’impresa sociale:http://youngunltd.org.uk/looking-for-support/towerhamlets/ . Ahmed Al-aagam è un imprenditore sociale e motivational speaker che vuole fare la differenza nel mondo, spinto dal crescente desiderio di contribuire. Ahmed ha oltre 10 anni di esperienza in ambiti come la leadership giovanile, l’imprenditoria sociale, la coesione della comunità e l’impegno civico. Nei suoi interventi, racconta la sua esperienza alla Commission for Youth Social Enterprise UK, alla Voluntary Action Sheffield, alla Grants Committee Member dei Big Boost Awards, così come co-fondatore di imprese sociali.

foto-filippo-addari
Filippo Addarii – 17 Settembre alle 18:00
Filippo è fondatore e co-amministratore delegato di PlusValue, un’impresa sociale di Londra focalizzata sulla massimizzazione dell’impatto attraverso modelli innovativi per i beni pubblici e la creazione di valore. Da sempre, contribuisce a sviluppare una rete globale di cittadini di diverse nazionalità, etnie, religioni e professionii per condividere conoscenze e sperimentare soluzioni che abbiano un impatto positivo sulla società e sul pianeta. E’ stato fondatore dell’ NGO GlobaLab dedita al dialogo interculturale nei Balcani occidentali e di Euclid Network, inoltre nella sua carriera ha ricoperto cariche importanti quali Director of International Strategy & Head of EuropeLab per The Young Foundation.

Per rendere la nostra chiacchierata più confortevole a tutti i partecipanti, l’evento sarà rigorosamente su invito. Per ulteriori informazioni scriveteci o contattateci:

 

Progetto ELYSE, online il report finale: check it out!

Dopo mesi di incontri e confronti, interviste ad esperti e giovani imprenditori sociali e la conferenza finale di ELYSE a Lisbona, è online il report che raccoglie le esperienze di cinque paesi: Regno Unito, Portogallo, Croazia, Polonia e Italia.

Il progetto, European Learning for Youth in Social Entrepreneurship, ha unito le competenze e l’esperienza di cinque attori europei nel campo dell’imprenditoria sociale per realizzare un toolkit che definisca come supportare al meglio i giovani imprenditori sociali.

Il lavoro, co-finanziato dal programma Erasmus + dell’Unione Europea, è gratuito e scaricabile al link: http://www.gsen.global/projects/elyse in due versioni, completa e sintetica.

La nostra nuova sede

Il 10 Luglio Abbiamo si è tenuto il nostro primo evento innaugurale. Siamo molto contenti infatti che  la sede della Project Ahead si è definitivamente spostata nel nostro nuovo indirizzo a Via Portacarrese a Montecalvario 69 (II cortile III piano) , il contesto in cui si innesteranno le nostre attività è quello di Foqus, la Fondazione Quartieri Spagnoli.  All’interno di questo nuovo contesto porteremo avanti le nostre attività ordianarie, come il progetto Erasmus per giovani imprenditori,  che è stato illustrato ai nostri ospiti, la scrittura di nuovi progetti, la gestione dei vecchi ed il sostegno a tutto tondo al mondo dell’associazionismo e del terzo settore, come prima ed ancora meglio. Ci aspettiamo che questo importante cambiamento porti un profiquo scambio dai nostri nuovi “vicini” ed un dialogo più intenso con quello che è il cuore della città; in questo senso speriamo presto di riuscire a far partire il nostro spazio di co-working e di passare quanto prima il testimone all’associazione Sagapò con il progetto D.I.A.L.O.G.U.E. e l’apertura del suo incubatore d’impresa.

Quali sono i bisogni dei giovani imprenditori sociali?

Project Ahead è partner del progetto ELYSE, co-finanziato dal programma Erasmus+, che ha l’obiettivo di indagare le esigenze dei giovani imprenditori sociali europei e dei potenziali tali e di verificare quali strumenti siano più efficaci per assisterli nel loro start up e cosa ci sia attualmente da migliorare per i provider di tali servizi di supporto. L’indagine è svolta in Italia, UK, Portogallo, Croazia e Germania e si concluderà il prossimo 31 marzo.
Il progetto produrrà alla fine (a luglio 2016) un toolbox finalizzato a favorire la nascita e lo sviluppo di imprese sociali fondate e gestite da giovani europei.
Se siete giovani imprenditori sociali (fino a 35 anni) o state cercando di diventarlo potete andare al seguente link,
dateci il vostro contributo:

elyse logo

Storie di successo di giovani imprenditori!

Erasmus for Young entrepreneurs è il programma europeo finalizzato allo svolgimento di  tirocini lavorativi presso un’azienda  europea “Host/ospitante”. I nostri ragazzi si formano e si arricchiscono sia professionalmente che umanamente, lo scambio Erasmus per giovani imprenditori è stato concepito affinchè futuri e nuovi imprenditori possano imparare nuovi metodi da “importare” a casa ed una volta tornati applicarli nelle loro star up, e nelle loro attività imprenditoriali, ovvero, come liberi professionisti. Ne è un esempio Serena Cestrone che ci scrive della sua esperienza in UK:
L’esperienza del progetto “ Erasmus + per giovani imprenditori” è stata molto formativa  ed ha arricchito la mia conoscenza professionale nel settore dell’interior design.
Quest’esperienza professionale ha cambiato il mio modo di osservare le cose sotto una prospettiva internazionale ed ho capito quale sono le sfide quotidiane che un’azienda deve affrontare giorno dopo giorno in un mercato così competitivo e vasto come quello londinese.
Durante il progetto Erasmus + per giovani imprenditori ho lavorato come architetto di interni nel settore residenziale presso “Helene DabrowskiInteriors” a Londra in UK e sono stata coinvolta nella gestione quotidiana del business.
Ho imparato a gestire progetti che coinvolgono i quattro pilastri della gestione aziendale: conoscenza del prodotto, comunicazione delle idee progettuali, valutazione delle proposte, marketing attraverso ricerche di mercato del prodotto e la loro presentazione.
Ho visitato con la mia HE espositori, partecipato a diversi eventi che coinvolgono la conoscenza di nuovi prodotti,  il loro costo sul mercato del lavoro ed ho partecipato attivamente alle riunioni di lavoro e visitato diversi cantieri.
Sono stata molto contenta di aver avuto l’opportunità di lavorare con Helene.
Helene è un interior designer di talento ed è una persona molto organizzata che lavora con entusiasmo e passione.
Lei è costantemente aggiornata sui nuovi prodotti di mercato a livello internazionale ed ha una grande attenzione ai dettagli.
Helene ha uno stile eclettico ed allo stesso tempo ha la capacità di gestire elementi tradizionali e moderni in uno stile contemporaneo.
Nei suoi progetti di interior design c’è sempre qualcosa di nuovo e contemporaneo che fa la differenza in un contrasto di colori, luci e tessuti di diverso genere e qualità.
Consiglio vivamente a tutti i giovani imprenditori un’esperienza come quella del progetto Erasmus+  perché è veramente formativa a livello professionale  e che crea nuovi contatti di lavoro a livello internazionale.

Ecco i vincitori dell’European social innovation 2015

 

Apiform, Freebird, Wheeliz sono i tre vincitori dell’European social innovation intorno al tema “nuovi percorsi di crescita”.

I tre vincitori, annunciati il 26 Novembre 2015 e beneficiari di un premio di cinquantamila euro, pongono in rilievo temi di tipo sociale e ambientale che riguardano noi europei. Conosciamoli da vicino:

Apiform dalla Bsonia Erzegovina interviene nel settore dell’occupazione. Si propone una apicoltura accessibile in grado di rendere autonome le persone disabili in questa attività.

The Freebird Club dall’Irlanda opera nel campo della salute e dell’età avanzata con una piattaforma peer to peer di case vacanza per anziani per vacanze sociali.

Wheeliz è un progetto francese che viene incontro al problema della mobilità accessibile. Si tratta di una piattaforma in grado di connettere proprietari di auto idonee al trasporto disabili con persone che necessitano di questo tipo di auto.

LA GIORNATA SULLA MOBILITA’ EUROPEA A PORTICI

Venerdì scorso abbiamo partecipato all’”Infoday sulle opportunità europee per i giovani” organizzato dall’Informagiovani del Comune di Portici,alla presenza dell’assessore alle politiche giovanili Dr.ssa Valentina Maisto.

I diplomandi dell’I.I.S.S. Nitti hanno potuto conoscere e capire quali sono le possibilità cui hanno accesso come giovani cittadini dell’Unione Europea.

E’ stato illustrato loro, da Francesco di Crescenzo dell’organizzazione Noi@Europe, ad esempio come è possibile iniziare a partire anche subito dopo il diploma, partecipando ad un progetto di volontariato europeo (SVE) che consente ad un giovane di trascorrere fino a 12 mesi in un paese membro al servizio della comunità; ancora sono stati spiegati da Luciano Griffo del  CEICC del Comune di Napoli, quali sono i funzionamenti e le strutture della Comunità e come è possibile entrare a farne parte. In fine anche noi abbiamo illustrato come sia possibile, tramite il programma Erasmus per giovani Imprenditori https://pja2001.wordpress.com/erasmus-per-giovani-imprenditori/ , partire per uno scambio tra imprenditori dei paesi UE.

Gli studenti dell’I.I.S.S. Nitti si sono mostrati interessati ed incuriositi da tutte queste opportunità, sia che avessero le idee ancora giustamente confuse, sia con qualche sogno nel cassetto da inseguire. Tutti loro però ora hanno una consapevolazza in più , quella di avere molti strumenti a loro disposizione e che il successo della loro carriere future non sarà determinato solo dall’impegno che metteranno per costruirlo, ma anche dal modo in cui decidaranno di essere europei a tutto tondo.

 

 

IMMAGINE CONFERENZA PORTICI