PROGETTO VILLA FERNANDES|Partecipazione attiva e nuove imprese a Portici

Al via una nuova avventura nel mondo della gestione partecipata di un bene confiscato alle organizzazioni criminali e della nascita di attività imprenditoriali.

Il Progetto Villa Fernandes è sostenuto da Fondazione CON IL SUD in collaborazione con la Fondazione Peppino Vismara. Villa Fernandes è un edificio dei primi del ‘900 nel cuore di Portici, confiscato al clan camorristico Rea, che ospiterà l’omonimo progetto, promosso dalla cooperativa sociale Seme di Pace, dal Comune di Portici e da altri 22 partner locali, tra i quali ci siamo anche noi di Project Ahead.

Obiettivo dell’iniziativa è incrementare la partecipazione dei cittadini alla vita socio-culturale della città, creando nuove realtà imprenditoriali, percorsi formativi e posti di lavoro.

La Villa verrà ristrutturata e rappresenterà un luogo aperto alla libera fruizione degli spazi, un luogo di incontro e di aggregazione sociale e sostenibile, ma anche di ascolto e di orientamento per chi vive situazioni di disagio. Sarà, infatti, realizzato un sistema integrato di servizi rivolti alle persone, alle realtà del terzo settore ed alle imprese, per promuovere insieme lo sviluppo del territorio.

Project Ahead lavorerà affinché il luogo sia destinato anche alla crescita e diffusione delle competenze e delle opportunità di occupazione dei giovani del territorio con la realizzazione di un ente di formazione e di un’agenzia per il lavoro.

Un’attività mirata specificamente all’inserimento lavorativo di persone, soprattutto più fragili, attraverso periodi di formazione e tirocini dedicati alle attività produttive realizzate presso Villa Fernandes e altre aziende del territorio.

Buon lavoro a tutti!

PROGETTO C.A.U.S.E.|I BENI CONFISCATI ALLE MAFIE DIVENTANO IMPRESE SOCIALI

Project Ahead è partner del bel progetto italo-albanese “C.A.U.S.E. – Confiscated Assets Used for Social Experimentation

Lo scopo del progetto – finanziato dal programma IPA – è stato contribuire all’efficace e sostenibile riutilizzo dei beni confiscati alla criminalità da parte delle organizzazioni della società civile albanesi avvalendosi delle best practies internazionali.

L’azione proposta è stata realizzata dal capofila Partners Albania for Change and Development in partnership con noi di Project Ahead, con il Dipartimento di Scienze Politiche dell’Università di Napoli Federico II ed il Comitato Don Peppe Diana, ed è stata sostenuta dall’Unione Europea attraverso la Delegazione dell’Unione Europea in Albania.

Tutte le parti coinvolte, ciascuno secondo le proprie competenze, hanno lavorato in sintonia con l’obiettivo di dare un nuovo input alla gestione e alle attività del bene sequestrato, rafforzando il coinvolgimento della società civile e apportando in tal modo importanti benefici alla comunità nel suo complesso.

Elemento cruciale dell’intervento di Project Ahead nell’ambito del progetto è stato fornire e rafforzare il know-how in tema di gestione e riqualificazione di questi beni confiscati orientando tale processo in un ambito sociale ed in particolare occupandosi della preparazione di una futura generazione di professionisti altamente istruiti nella gestione del beni confiscati, sulla base del MBA curricula sviluppato e gestito dall’Università di Napoli Federico II.

Da questo progetto ci aspettavamo un aumento del livello di conoscenza e di consapevolezza nella comunità albanese sulle potenzialità di un riutilizzo innovativo dei beni confiscati alla criminalità organizzata, attraverso la creazione di imprese ad alto impatto sociale gestite da enti non profit locali

ha dichiarato Marco Traversi, CEO di Project Ahead.

E l’aspettativa non è stata disattesa! Nel giro di un anno infatti sono state avviate due nuove imprese sociali:

  • KinFolk Coffee Library, un luogo nuovo per i giovani di Durazzo.
  • KeBuono Pastiçerie Sociale, pasticceria di Fier in cui la qualità e la tradizione dolciaria italiana incontrano i valori di legalità e inclusione sociale.

Ed una terza impresa sociale, Perla, sarà avviata a breve a Saranda.

Presto nuovi aggiornamenti. Seguiteci!