PROGETTO C.A.U.S.E.|I BENI CONFISCATI ALLE MAFIE DIVENTANO IMPRESE SOCIALI

Project Ahead è partner del bel progetto “C.A.U.S.E. – Confiscated Assets Used for Social Experimentation“, entrato ormai nella fase di chiusura.

Lo scopo del progetto – finanziato dal programma IPA – è stato contribuire all’efficace e sostenibile riutilizzo dei beni confiscati alla criminalità da parte delle organizzazioni della società civile albanesi avvalendosi delle best practies internazionali.

L’azione proposta è stata realizzata dal capofila Partners Albania for Change and Development in partnership con noi di Project Ahead, con il Dipartimento di Scienze Politiche dell’Università di Napoli Federico II ed il Comitato Don Peppe Diana, ed è stata sostenuta dall’Unione Europea attraverso la Delegazione dell’Unione Europea in Albania.

Tutte le parti coinvolte, ciascuno secondo le proprie competenze, hanno lavorato in sintonia con l’obiettivo di dare un nuovo input alla gestione e alle attività del bene sequestrato, rafforzando il coinvolgimento della società civile e apportando in tal modo importanti benefici alla comunità nel suo complesso.

Elemento cruciale dell’intervento di Project Ahead nell’ambito del progetto è stato fornire e rafforzare il know-how in tema di gestione e riqualificazione di questi beni confiscati orientando tale processo in un ambito sociale ed in particolare occupandosi della preparazione di una futura generazione di professionisti altamente istruiti nella gestione del beni confiscati, sulla base del MBA curricula sviluppato e gestito dall’Università di Napoli Federico II.

Da questo progetto ci aspettavamo un aumento del livello di conoscenza e di consapevolezza nella comunità albanese sulle potenzialità di un riutilizzo innovativo dei beni confiscati alla criminalità organizzata, attraverso la creazione di imprese ad alto impatto sociale gestite da enti non profit locali

ha dichiarato Marco Traversi, CEO di Project Ahead.

E l’aspettativa non è stata disattesa! Nel giro di un anno infatti sono state avviate due nuove imprese sociali:

  • KinFolk Coffee Library, un luogo nuovo per i giovani di Durazzo.
  • KeBuono Pastiçerie Sociale, pasticceria di Fier in cui la qualità e la tradizione dolciaria italiana incontrano i valori di legalità e inclusione sociale.

Ed una terza impresa sociale, Perla, sarà avviata a breve a Saranda.

Presto nuovi aggiornamenti. Seguiteci!

Italia-Spagna per la rigenerazione urbana, con Erasmus per Giovani Imprenditori

Vi raccontiamo una bella ed interessante esperienza lavorativa all’estero vissuta da una giovane imprenditrice italiana e resa possibile dal Programma europeo Erasmus per Giovani Imprenditori

E’ terminata da poco l’esperienza in Erasmus per Giovani Imprenditori di Raffaella Ceparano, architetta di 29 anni che con il supporto di Project Ahead ha realizzato uno scambio lavorativo presso la Voltes Cooperativa d’Arquitectura con sede a Barcellona.

Ecco cosa ci ha raccontato:

Il mio scambio è durato 5 mesi; ho scelto la Spagna e così sono stata ospitata da Voltes Cooperativa d’Arquitectura con sede a Barcellona. Grazie al Programma Europeo di scambio per imprenditori, la mia esperienza in Voltes ha avuto impatti incommensurabili sulla mia attitudine in vari campi come il lavoro di gruppo, la redazione di rapporti / scrittura analitica, il lavoro in un ambiente interculturale, l’organizzazione e il coordinamento delle attività. Questa esperienza ha ampliato la mia base di conoscenze, avendo avuto la possibilità di partecipare a tutte le attività di gestione della cooperativa: dalla divisione del lavoro, alle assemblee. Sento di aver acquisito competenze trasversali per analizzare il territorio, al fine di comprenderne le risorse e il potenziale, attivare percorsi di coinvolgimento degli abitanti e gestire complesse partnership territoriali per la rigenerazione urbana. Il focus della mia attività è stato esplorare le capacità tecniche e le azioni per utilizzare lo spazio urbano come campo di applicazione per l’innovazione sociale, in particolare nei settori del welfare, dell’inclusione sociale, dell’immigrazione, dello sviluppo locale. È stata un’esperienza molto arricchente e consiglio vivamente ad altri NE intraprendere questa esperienza

Tutto questo è possibile grazie a Erasmus for Young Entrepreneurs!

E tu, cosa aspetti? Non lasciarti sfuggire l’occasione di fare un’esperienza imprenditoriale all’estero per sviluppare la tua impresa o per verificare la fattibilità del tuo progetto, lasciandoti ispirare da chi ha già avviato la propria attività.

Il programma è rivolto anche agli imprenditori già affermati, ovvero coloro che sono titolari o responsabili di una PMI in Italia o nell’Unione Europea e che vogliono ospitare giovani ed aspiranti imprenditori europei.

Partecipa con noi al programma Erasmus per giovani imprenditori. Puoi registrarti qui.

Noi di Project Ahead siamo intermediari del Programma europeo Erasmus per Giovani Imprenditori per la Campania e gran parte dell’Italia meridionale peninsulare. Contattaci e ti guideremo nelle varie fasi dello scambio: dal percorso di registrazione, alla scelta della controparte per lo scambio, fornendoti tutte le risposte di cui avrai bisogno durante tutta la durata del progetto.

Per approfondimenti e chiarimenti sulla candidatura puoi raggiungerci anche in sede, negli spazi del coworking e incubatore di imprese sociali Dialogue Place, a Napoli in via Portacarrese a Montecalviario 69.

Ti aspettiamo

”Prendiamoci cura” delle nostre comunità: consigli di lettura!

Quest’anno Project Ahead è partner di Ricomincio dai libri la fiera del libro di Napoli a ingresso gratuito che si terrà dal 4 al 6 ottobre a FoQuS – Fondazione Quartieri Spagnoli, apprezzabile esempio di rigenerazione urbana in cui ha sede la cooperativa con il coworking e incubatore di imprese sociali Dialogue Place.

Giunta alla VI edizione, la fiera si caratterizzerà per l’attenzione ai temi dell’accoglienza, delle migrazioni, dell’inclusione sociale, della comunità, delle buone pratiche ambientali, tutti ambiti racchiusi nello slogan “Prendiamoci Cura’’ scelto per quest’anno.

Ancora una volta la kermesse vedrà protagonisti autori di fama nazionale e internazionale, case editrici e associazioni che daranno il loro contributo alla cultura della città ai piedi del Vesuvio.

Lorenzo Marone, direttore artistico della fiera, ha detto:

«Mai come in questo momento storico e politico che viviamo la parola ‘cura’ assume un valore universale che ognuno di noi, nel suo piccolo, deve esportare. Cura per questo nostro pianeta sempre più sfruttato – dichiara Marone – cura per l’altro, per l’estraneo, il bisognoso, l’ultimo, cura per se stessi, per uno sviluppo sempre più forte dell’individuo, cura per le Istituzioni (sbeffeggiate a volte dai nostri stessi politici) e per il senso dello Stato, per la cultura, per le scienze e la conoscenza. Tre giorni di incontri – conclude Marone – in un quartiere complesso di Napoli, per fare questo: mettere al centro del discorso l’obbligo morale che abbiamo nel tendere la mano. Oggi più di ieri».

Noi siamo totalmente d’accordo!

Contribuiremo all’evento organizzando due presentazioni di libri nella Sala delle Stelle di Dialogue Place:

  • Venerdì 4 Ottobre ore 18:00-19:00, presentazione del libro Surus, l’elefante bambino. Cornacchia, il cane giocoliere (Iemme Edizioni 2019) di Ivan Esposito, con illustrazioni di Valentina De Luca.  Il libro, parte di un progetto socio-editoriale contro la povertà educativa, si compone di due storie illustrate, aventi ciascuna per protagonista le mascotte delle Ludoteche museali Arteteca: Surus e Cornacchia, l’elefante di Annibale e il cane di Caravaggio. Dialogheranno con l’autore, Maria D’Ambrosio, docente Pedagogia UNISOB e Ida Gennarelli, direttore Museo Archeologico Antica Capua.
  • Sabato 5 Ottobre ore 17:00-19.00, presentazione del libro Dove. La dimensione di luogo che ricompone impresa e società, (Egea, Milano 2019) di Paolo Venturi e Flaviano Zandonai. Un viaggio attraverso la trasformazione epocale della dimensione di luogo, che dall’impresa sociale arriva al cuore del capitalismo. Dialogheranno con l’autore Flaviano Zandonai, Marco Musella, docente Economia Politica UNINA e Filomena Carangelo, architetto urbanista.

Vi aspettiamo.

Eventi gratuiti. Info e prenotazioni: segreteria@pja2001.eu tel. 081 412404