Rinviata la semifinale italiana del Woman Entrepreneur of the Year Award 2020

Project Ahead annuncia che la Semifinale del Woman Entrepreneur of the Year Award 2020 prevista per domenica 8 marzo sarà rinviata a sabato 4 aprile 10:00 13.00 sempre negli spazi di Dialogue Place

In questi giorni di difficoltà nazionale, Project Ahead dopo aver ascoltato tutte le parti coinvolte nel contest ed alla luce delle frequenti e imprevedibili ordinanze ufficiali degli enti preposti, ritiene sia più opportuno rimandare la manifestazione onde evitare il rischio di annullamenti dell’ultimo minuto per cause di forza maggiore.

La decisione, sebbene a malincuore, è stata presa soprattutto nell’interesse delle imprenditrici provenienti da tutta Italia e delle difficoltà che potrebbero incontrare negli spostamenti tra le varie regioni.

La situazione attuale non influisce però sullo spirito della manifestazione: le imprenditrici invitate al contest per le loro magnifiche imprese ad impatto sociale ed ambientale si ritroveranno comunque sabato 4 aprile 2020, h 10:00-13:00 negli spazi di Dialogue Place per conquistarsi la finale parigina dell’Impact2 2020

L’appuntamento dunque è solo rinviato!

Stay tuned!

Evento gratuito. Clicca per iscrizioni ed info sull’evento

WOMAN ENTREPRENEUR OF THE YEAR AWARD: intervista ad Anna Fiscale

Woman Entrepreneur of the Year Award. La finalista italiana 2019: chi è e che cosa ha fatto

In attesa di conoscere la finalista italiana del Woman Entrepreneur of the Year Award 2020 che sarà selezionata domenica 8 marzo negli spazi di Dialogue Place e rappresenterà il nostro Paese al prossimo Impact2 di Parigi, vi proponiamo un’intervista fatta ad Anna Fiscale che l’anno scorso è stata scelta da Project Ahead come migliore imprenditrice italiana candidata alla finale parigina.

Chi è Anna Fiscale

Anna Fiscale è la fondatrice di Quid Impresa Sociale che si propone di creare opportunità di inclusione sociale per persone vulnerabili. L’impresa sociale si rivolge, in particolare, a donne che hanno vissuto e superato situazioni difficili e ad esse affida la produzione di capi con marchio proprio, derivanti dal recupero di tessuti in eccedenza. 

A proposito dell’esperienza vissuta durante la finale del Woman Entrepreneur of the Year Award 2019 che si è tenuta durante l’Impact2 alla Mairie de Paris, l’imprenditrice ha dichiarato:

Parlare davanti a una giuria di così alto livello è stata sicuramente un’esperienza molto emozionante e formativa, così come l’incredibile opportunità di dialogo con progetti innovativi sviluppatisi in contesti completamente diversi da quello italiano. Ho apprezzato molto la possibilità di sentire il racconto di realtà d’innovazione sociale sorte in contesti sociali e culturali differenti, e di farmi ispirare da progetti che fanno concretamente la differenza.

Leggi qui l’intervista completa da Quaderni di Economia Sociale, 1 , 2019.